NewsletterIscriviti| CouponScopri

Succo fresco Equiseto e Ortica 125 ml x3


Il succo fresco di Equiseto e Ortica del Monastero Benedettine Santa Maria delle Grazie è un prodotto naturale particolarmente indicato nei periodi in cui si ha bisogno di un ulteriore apporto di minerali.

Formato: 125ml x 3.
22,90 €

Disponibilità: Disponibile

Codice: 023730
  • Spese di spedizione da €4,70 | Gratis per acquisti oltre € 67
  • Tempi di consegna: Standard 3/4 Giorni lavorativi | Espresso: 1/2 giorni lavorativi
  • Pagamenti: Con Paypal | Carta di Credito/Prepagata | Bonifico bancario | alla Consegna

Descrizione

Il succo di Equiseto e Ortica del Monastero Benedettine Santa Maria delle Grazie è un prodotto naturale indicato nei periodi in cui si ha bisogno di un ulteriore apporto di minerali.

L'equiseto è pianta della famiglia delle Equisetacee. Noto per il suo alto contenuto di silice e minerali e per le sue proprietà capilloprotettrici, diuretiche e mineralizzanti: favorisce l'accrescimento osseo e la crescita di unghie e capelli.

L’ortica è una pianta erbacea perenne, originaria dell'Asia occidentale e dell'Africa dalle proprietà diuretiche e antinfiammatorie.

 

Grazie all’elevato contenuto di calcio e silice, il succo fresco di Equiseto e Ortica è indicato in caso di: carenza di minerali, osteoporosi, rachitismo, affezioni reumatiche, caduta dei capelli, astenia della crescita e affezioni renali; funziona anche come emostatico e diuretico.

 

Modalità d’uso

Uso interno. Si consiglia 1 cucchiaio 3 volte al giorno, da consumare prima dei pasti.

Una volta aperto, il flacone deve essere conservato in frigorifero.

Etichetta

Ingredienti: spremuta, a freddo con il torchio, delle foglie di equiseto e dealla pianta intera di ortica appena raccolte.


  • Roberto 07/04/2022

    Ottimo per fegato e uso esterno capelli ecc.
    Ottimo per il funzionamento corretto del fegato. Se assunto in dosi giornaliere 2 o 3 volte al giorno (in decotto se si ha l'ortica, foglie) 1 o due cucchiai alla volta, può sciogliere i calcoli del fegato, evitando l'asportazione della cistefellea, ovviamente se non vi sono ancora coliche persistenti.